conclusioni

Con questo progetto l’Amministrazione Comunale conferma la propria politica di mettere al “centro” in modo concreto la scuola, l’istruzione e la formazione dei giovani cittadini, come investimento consapevole verso il futuro, nella convinzione che le politiche educative siano la leva più efficace di crescita ed evoluzione della società e per rilanciare il Made in Italy.
La scuola, quale luogo di conoscenza, sperimentazione, crescita, creazione, inclusione e innovazione, rappresenta senz’altro un raccordo fondamentale tra gli attori del tessuto cittadino, con ricadute positive sull’intera comunità, nella consapevolezza che non può esserci progresso economico e sociale nella società senza un adeguato livello culturale.
La creazione di una reale Smart school è il presupposto per arrivare ad una Smart community e una Smart city, dove tecnologia, scuola, sostenibilità, coesione sociale e sviluppo economico si integrano virtuosamente in una sorta di sviluppo continuo ed equilibrato.
Una scuola all’avanguardia permette di cambiare radicalmente l’ambiente, fa correre innovazione, sviluppo, e qualità della democrazia, che viene continuamente alimentata con l’energia di nuove generazioni di cittadini, formati e preparati per affrontare le opportunità e le sfide della vita.
«Seregno: la scuol@ è digitale»è solo il punto di partenza: con questo progetto si realizza una rete tra l’Amministrazione comunale e le scuole statali di primo ciclo, si creano collaborazioni e sinergie con le scuole statali secondarie di secondo grado e si intravedono possibili percorsi con gli Istituti paritari presenti nella Città, tutto questo con  la consapevolezza che le istituzioni scolastiche, nel rispetto della propria autonomia che garantisce il pluralismo scolastico, possono avere molto da trasmettere e da condividere.
E guardando verso il futuro si mette il focus su alcune parole chiave:
#coding: favorire l’introduzione strutturale nelle scuole dei concetti di base dell’informatica, al fine di divulgare le opportunità di accesso alle professioni innovative del futuro;
#condivisionecondividere esperienze, conoscenze e competenze per creare e mettere in circolo energie sempre nuove;
#democrazia del cloud: rendere  interoperabili le apparecchiature affinché possano ‘dialogare’ tra loro, evitando  vincoli di proprietà e puntare su sistemi aperti e a libero uso disponibili e accessibili in rete con device e sistemi eterogenei;
#e-inclusion: sviluppare le competenze digitali degli individui e potenziare i processi di inclusione digitale, intesa come l’inclusione delle persone nella società dell’informazione, creando le premesse per l’uguaglianza delle opportunità nell’utilizzo della rete, ostacolando le cause di analfabetismo, di discriminazione sociale, economica, culturale e dovuta a disabilità e aprendo le porte a tutti i vantaggi originati dalla società della conoscenza, quale l’educazione di qualità;
#fundraising: pensare a nuovi modelli di finanziamento, che valorizzino il merito, incentivino finanziamento di privati e crowdfounding  attraverso anche soluzioni autonome delle scuole;
#hub comunale: costruire un sistema territoriale, fondato su un network, realizzare una rete comunale, un motore di ricerca digitale comunale, una vetrina di materiali ed esperienze digitali per la scuola del futuro (processi, prodotti, documenti) condivisi;
#open source: dare la preferenza a soluzioni basate su software liberi open source (OSS),rappresentando un’opportunità che permette di avere dei risparmi economici e consente altresì di creare interessanti percorsi didattici;
#scuola aperta: realizzare iniziative di scuola digitale, legate al coinvolgimento ed al rapporto con la comunità ed il territorio, come opportunità per iniziative di scuola aperta per offrire servizi.
#Seregno Smart City: istituire un concorso rivolto alle scuole statali e paritarie della Città, con l’obiettivo di stimolare e far avvicinare le Scuole alle tematiche delle Smart cities invitando docenti e studenti a compiere una riflessione che porti allo sviluppo e creazioni innovative con elaborati e progettualità, su supporti digitali.
La realizzazione di un progetto basato su istruzione e tecnologia anche in pochi anni può essere il volano di crescita culturale, sociale e di sviluppo economico, una semplice considerazione che ha guidato la volontà politica dell’Amministrazione Comunale.
  • news

  • rassegna stampa

  • scarica documentazione